IMG 3420

 

 

 

 

USCITA DI PESCA IN SAVA

02, 03 E 04 GIUGNO 2017

 

 

 

Partecipanti:   Le Isitituzioni  (Andrea Nardi)

                       Lumisse         (Giuliano Terzuoli)

                        Il Venerabile   (Piero Caini)

 

 

 

 

 

Resoconto (allegorico) del viaggio ......

 

Orario prefissato per la partenza: ore 05:00

Le scorrettezze iniziano addirittura prima della partenza, con Lumisse che obbliga la Carica Istituzionale a fare servizio taxi e, al contrario degli altri che avevano la sveglia alle 04:00, ne approfitta per dormire fino alle 04:45 per avere un vantaggio sostanziale di riposo, arrivando persino in ritardo e creando un forte stress ai suoi compagni d’avventura.IMG 3422

Finalmente partenza, dopo un’accurata perquisizione da parte del Venerabile alla ricerca di eventuali canne proibite, e sosta come da manuale ad Aglio dove Lumisse si accorge di non aver preso gli occhiali da sole nuovi. Il Venerabile si offre di noleggiargli i suoi alla modica cifra di € 80,00 al giorno, ma lui rifiuta e la sua taccagneria gli costerà poi diversi pesci. Caffè, ripartenza e dopo alcuni rallentamenti arrivo a Stara Fusine, dove li attende uno spartano ma intimo albergo accolti dalla sorridente Monica. Visitata la camera si accorgono che manca la TV - scatenando l’ira funesta di Lumisse per non poter tifare Juventus sabato durante la finale di Champions League – ma che però è dotato di letto a baldacchino per le Istituzioni: il Venerabile e Lumisse si adeguano loro malgrado a fare da paggetti.

IMG 3421Acquisto del permesso e via a pesca nel tratto di Bohinj, dove le Istituzioni catturano subito mentre al Lumisse ed al Venerabile occorre più tempo, ma comunque entrano in pesca anche loro con la cattura di pesci con le pinne non proprio perfette.

Cena in Pizzeria e poi a dormire dove, con grande sorpresa di tutti, nessuno russa.

Sveglia alle 07:15 e colazione alle 08:00. Fermata dal Matto per i permessi con degustazione di un grappino fantastico. Poi a pesca nel tratto denominato Istituto, dove le Istituzioni – per forza di cose – la fanno da padrone, ma anche Lumisse cattura iridee e temoli. Il Venerabile si cimenta con la cattura di alcune fario ed iridee, ma di un solo temolo, sperimentando la tecnica della mosca salterina e facendo infine amicizia con uno scazzone che si era affezionato alla sua scarpa – come documentato con foto – nel vano tentativo di addestrarlo come pesce da punta ai temoli.

Cena al ristorante del campeggio, dove viene gustata una fantastica zuppa di funghi con porcini e finferli, e di corsa a dormire. Entrati in camera si accorgono che Lumisse tenta di trafugare la dentiera al Venerabile, forte della protezione del santino della Juve. Ferito nell’orgoglio, il Venerabile ricomincia a russare, dimostrando a tutti – e per tutti si intende anche gli altri ospiti dell’albergo - di esserne ancora capace.IMG 3423

Risveglio tranquillo, colazione e ritiro permessi sempre dal Matto e sempre con grappino fantastico. Seguono alcune catture, anche di bella taglia – ricordiamoci che sono stimate dopo il grappino – di iridee e temoli, qualche fario da parte del Venerabile che continua imperterrito a far saltellare la mosca criticata da tutti, ma molto catturante. Le Istituzioni si distinguono dalla flemma e dalla calma che caratterizzano le alte cariche e quasi non si fanno notare quando – pur non essendo una canna proibita – pensano che l’impugnatura di quest’ultima sia troppo lunga e decidono di darci un taglio. Lumisse, come sua abitudine, si rimette a collezionare sassi.IMG 3419

Partenza per il ritorno con obbiettivo Gostlina “dello Stinco”, ma con delusione scoprono che è chiusa e viene optato per un locale più avanti frequentato da molti giovani, mettendo in imbarazzo il Venerabile che si sente come una specie di badante con due anziani al seguito. Ripartiti, i nostri arrivano a casa a tarda ora senza intoppi.

Come al solito con gli amici di sempre ci si diverte alla grande, si pesca, si ride, ci si sfotte, ingredienti essenziali per passare delle giornate indimenticabili, aspettando poi con ansia la prossima uscita.